11 Feb

Un mondo da mangiare III

Un mondo da mangiare III edizione: “Un mondo da mangiare…scoprire, raccontare”

Nell’anno scolastico 2016-2017 abbiamo realizzato presso l’I.C. Capozzi-sede Scuola Primaria Andra Baldi,  un lavoro didattico con le classi prime e seconde, che partendo dai cibi di stagione e l’importanza di un’alimentazione attenta ai cicli stagionali sia dal punto di vista nutritivo che ambientale, individua alcuni frutti o verdure “migranti”, che sono divenuti nel tempo parte importante della Cultura Gastronomica italiana o lo stanno divenendo.

I bambini hanno ricercato e suddiviso frutta e verdure secondo le stagioni, attaccandone i disegni sui quattro cartelloni (inverno, primavera, estate, autunno) corredati da brevi informazioni sui principi nutritivi dei cibi e sugli effetti benefici sulla salute. La seconda fase, “i cibi migranti”, intraprende un viaggio alla scoperta dei paesi d’origine della frutta e verdura che abitualmente mangiamo e che spesso vengono da tempi e paesi molto lontani ma che sono entrate nella tradizione agricola e alimentare del nostro paese, oppure pur provenendo ancora dall’estero, sono cibi ormai abituali e facilmente reperibili. Grazie all’aiuto di un mappamondo e di planisferi “muti” i bambini hanno segnato con simboli/disegni della frutta e verdura  il viaggio più o meno lungo fatto dal paese d’origine per arrivare in Italia.

Terza fase: “Cibi da favola”. Il laboratorio “teatrale” con la recita/racconto della “Viaggio di Chuma, storia inedita, scritta da Patrizia Ciotti introduce l’ultima parte del progetto che prevede il coinvolgimento delle famiglie (in contemporanea al lavoro in classe) nella ricerca o invenzione di favole e raccolta di ricette che abbiano per argomento i cibi studiati, corredati dai disegni sul tema, in classe si condivideranno i dati raccolti e si procederà alla verifica e valutazione dell’esperienza.

La rappresentazione della storia di Chuma e’ visibile su https://youtu.be/hTvTBFswsMQ

Ultima parte del progetto: “i colori dei cibi”. Con i laboratori artistici condotti da Ismael Gueshan e Diana Campanelli, i bambini e le bambine hanno potuto dipingere con colori ricavati dalla frutta e dalla verdura frullate, realizzando lavori di gruppo e piccole composizioni personali, sperimentando varie tecniche e percezioni sensoriali sia tattili che uditive.

Il progetto MDM 2016-2017,  si sofferma sul tema, molto caro a Dario, dell’importanza di mangiare prodotti di stagione, per il grande valore nutrizionale innanzitutto ma anche di salvaguardia e rispetto per l’ambiente; vuole poi stimolare la conoscenza di quello che mangiamo e l’origine spesso lontana, sottolineandone, partendo dall’alimentazione, l’aspetto interculturale che da sempre pervade e dà impulso alla nostra società; infine, coinvolgendo le famiglie, approfondire la conoscenza da parte dei bambini di prima e seconda elementare dei cibi da un altro punto di vista, attraverso uno strumento e un linguaggio ad essi abituale e caro come quello delle favole.